fai-di-stesso-un-brand-recensione

Fai di stesso un Brand, recensione del Libro.

Il libro fa un viaggio nel mondo degli strumenti digitali, illustrando per ognuno le varie peculiarità e in che modo possono essere utili per la propria presenza digitale che sia di un’azienda o di una persona.

fai-di-stesso-un-brand-recensione

Un libro uscito nel 2014 ma con concetti e definizione ancora attualissimi e che consiglio come prima lettura a tutti coloro vogliono iniziare a capire qualcosa del mondo digitale.

A tutte quelle persone che han percepito che Social Media, Blog, SITO WEB, EMAL, Linkedin , APP .. sono strumenti utili ma ancora non ne comprendo appieno il loro valore.

Stai pensando di fare un corso sul mondo social media e digital marketing per la tua attività ?
Eventbrite - You Digital - Corso in Aula. Come sviluppare online il tuo business.

Nel podcast sentirete :

Ascolta la puntata su Itunes

 

Il capitolo  4° Passare all’azione

Ascolta #7 Fai di stesso un brand, il Libro di Skande” su Spreaker.

-La visibilità si crea tramite un mix di fattori chiave come: Ricerca, Social e Digital PR agire bene su queste leve è la vera sfida, concetto ancora attualissimo.

-Individuare gli influencer ( digital pr e influencer ho fatto due video che trovate sul mio canale youtube )

-Passaparola, mantenere alto il nome del brand o della campagna, far parlare di se creando un numero alto di conversazioni tecniche comunicative che esistono da sempre e che con il digitale trovano

-Le persone da sempre amano riunirsi in community ed oggi lo fanno attraverso media digitali.

-Riccardo  cura la condivisione manualmente su diversi social quali Facebook, Twitter, Google + e Linkedin ( io vi aggiungo che ora per alcuni progetti sfrutto anche Snapchat/ TUMBLR )  e a tutti coloro che si approcciano a questo mondo suggerisco di iniziare così  non disperdere energie ad imparare un tool ! Si parte da tre elementi che si riportano in tutti i social che decidete di adoperare: titolo-url-foto 

-Nel capitolo sono evidenziati anche suggerimenti per fare dei Tweet che funzionano, twitter ancora oggi è la piattaforma preferita dla giornalisimo italiano (spesso capita che da un tweet nascano notizie e servizi giornalistici ) ahimè dal grande pubblico non è mai stata “capita” anche se resta in alcuni casi uno strumento validissimo. ( per esempio durante eventi )

-Spiega come e cosa misurare, nel penultimo podcast esordivo dicendo che internet è tra i medium lo strumento più misurabile ma senza obbiettivi si rischia di restare con un insieme di numeri senza senso.

Conclude il capito Riccardo con due paragrafi eccellenti e lo sono perchè i concetti espressi nel 2014 restano ancora validissimi ma ahimè sconosciuti per ancora troppe persone:

Tecnice di engagement, riuscire a coinvolgere potenziali clienti e stakeholder è la sfida di chi si occupa operativamente poi di gestire i canali sociali e ci sono regole che Skande chiarisce in 19 punti che suggerisco a tutti di ripassare! Io stesso cerco di ricordarmele 3/4 volte all’anno

e la gestione della crisi, come in tutte le attività che includono rapporti e relazioni umane può essere che ci siano delle incomprensioni meglio preparare prima come gestire certi casi in ambienti dove la visibilità è molto più ampia.

Spero di avervi appassionato al libro di Riccardo che ripeto suggerisco a tutti coloro che si apprestano per la prima volta al mondo digitale  vogliono capire in modo semplice e chiaro le potenzialità dei vari strumenti e tecniche digitali di comunicazione.
Per comprare il libro:

Se la puntata vi è piaciuta potete lasciarmi una recensione e aiuterà a far crescere il progetto.

Cosa ne pensi di questa puntata ? Scrivimi —> http://m.me/gione1978

Note Digitalis

===========

>> Articoli podcast —> http://www.christianforgione.com/category/digitalis/

Come seguire Christian Forgione

>> Pagina Facebook: http://www.facebook.com/gione1978

>>Twitter: https://twitter.com/gione1978

Hai trovato utile e interessante quanto scritto? Condividilo con la tua rete, grazie.

Christian Forgione

Ho aperto il mio primo PC, un Commodore 64, a 8 anni per connetterlo con quello del mio amico... fortuna poi è arrivato Internet !

localsearch_seo_mobilemarketing

Lascia un Commento

*